Scenario Montagna

Il tavolo progettuale

Non solo un festival, ma un tavolo progettuale coordinato dall’Associazione LUCAS che da quasi 20 anni si pone al servizio del territorio, fungendo da leva per il marketing turistico-culturale e la promozione dello stesso.

Oggi più che mai l’obiettivo è generare nuove possibilità di crescita e sviluppo, supportando la progettualità dei territori montani per la creazione di nuove opportunità anche grazie ad un team di progettazione europea per veicolare fondi sui territori.

Ma soprattutto, dopo l’emergenza sanitaria, una rete di partner e di idee per esplorare le possibilità che offre la Montagna: la nuova frontiera dello sviluppo sostenibile.

Una visione sul futuro

Oltre all’esperienza, in questo momento, serve anche una visione fortemente orientata al futuro. Questa la riflessione che ci ha spinto a mettere in campo a sostegno dei territori montani attività che non subiscano l’attuale situazione di incertezza. Ma al contrario partano da essa per sviluppare una nuova capacità strategica e di programmazione. 

Si, ma come?

Il team di scenario montagna ha stretto una partnership con
Focus Europe, agenzia di progettazione europea con diverse sedi in italia
ed un ufficio a bruxelles così da poter supportare enti,
istituzioni e associazioni nell’accesso a fondi, bandi e linee di
finanziamento europee.

Oltre alle misure europee già attive da tempo sono, come noto,
allo studio fondi e sovvenzioni speciali a sostegno dei
territori e dei settori maggiormente impattati dalla pandemia.

Le terre alte possiedono asset e risorse incomparabili.
Hanno tuttavia bisogno di un supporto alle loro progettualità:

Scenario Montagna le sostiene trovando per loro i bandi
giusti e collaborando nella stesura dei progetti. Si occupa
inoltre dell’ideazione di format e attività per lo sviluppo
turistico dei territori, sollevando i comuni da tutte le
incombenze di organizzazione e comunicazione.

Le località di mare in questi anni hanno “industrializzato” le loro competenze (anche troppo…?). 

Le località di montagna al contrario pagano spesso ancora un
forte gap competitivo, oltre che di digital divide, da questo punto di vista.
Eppure già da ora le Terre Alte si trovano ad essere il punto focale
del modello di sviluppo post-covid, più sostenibile.
L’obiettivo è far sì che scegliere la montagna non sia un’esigenza
contingente data dalla “impossibilità di fare altro” ma una decisione
consapevole, fondata su elementi forti.

Il tavolo strategico di Scenario Montagna supporta i territori nella trasformazione digitale e 
e nello startup di attività imprenditoriali legate al Turismo 2.0.

Tematica fondamentale che necessita di servizi, strutture e competenze adeguate, il turismo accessibile, o “turismo per tutti”, è un elemento su cui il team di scenario montagna possiede know-how specifico. Anche grazie ad una rete di autorevoli partner possiamo infatti fornire appoggio allo sviluppo di itinerari e modelli virtuosi di turismo accessibile.

Abbiamo reagito immediatamente all’emergenza sanitaria creando e
mettendo a disposizione dei territori montani il cuore innovativo di
scenario montagna. Una proposta “virus compliant” , una soluzione
per dare spazio alla cultura in montagna: gli iep!, Itinerari
Escursionistici Personalizzati.

Ma dalla gestione dell’emergenza e dell’incertezza è indispensabile che i
territori di montagna passino velocemente alla programmazione della
nuova fase e del loro rilancio strategico.

La nuova frontiera dello sviluppo sostenibile

Pensiamo che il primo passo sia ascoltare i territori, comprenderne ambizioni e specificità. Per questa ragione non vediamo l’ora di poterne parlare con voi per costruire progetti personalizzati.